Versione Italiana Versione Italiana English Version English Version
Versione del sito per IPOVEDENTI
{CURRENTDATE}


{MENUKOOLVERT}
Biblioteca
Accedi alla Home Page
del Parco
 
News
27/09/2017
:: Comitato di Pilotaggio Progetto GIREPAM
Mercoledì 27 settembre a Bonifacio (Corsica)Comitato di Pilotaggio del Progetto GIREPAM, a seguire giovedì 28 e venerdì 29 seminario per favorire lo scambio di esperienze tra i gestori delle diverse aree protette che partecipano al progetto....
08/08/2017
:: CONTROLLO UNGULATI
Venerdì 11 agosto Azioni di controllo ungulati dalle ore 6.00 fino a termine operazioni in Località Ceparana in Comune di Bolano...
28/06/2017
:: AVVISO MODIFICA MODAITA' DI VERSAMENTO DELL'IVA SUGLI ACQUISTI EFFETTUATI DALLE
A Partire dal primo luglio 2017 si attueranno modifiche sulle modalità di versamento dell'IVA sugli acquisti effettuati dalle Pubbliche Amministrazioni...
16/09/2016
:: Programma controllo ungulati
Azioni di controllo ungulati: MAGGIO 2017 ...
03/03/2017
:: 7/03/2017 PSR 2014-2020: le opportunità nel settore forestale
L’Ente Parco organizza, in collaborazione con la Regione Liguria, un incontro divulgativo dedicato alle misure di interesse forestale del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Liguria 2014/2020. Nell’incontro saranno presentate le opportunità previste dalle misure M08 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste” e M09 “Costituzione di gruppi di produttori per la gestione e la valorizzazione economica delle risorse forestali l...
03/02/2017
:: Bando EELL bonifica Amianto
Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, indice una procedura pubblica, destinata agli EELL, per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto. ...
07/11/2016
:: Demolizione opere abusive, in arrivo i finanziamenti per i Comuni
È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n 251 del 26 ottobre 2016 il decreto 22 luglio 2016, contenente i modelli e le linee guida per la presentazione della domanda di accesso ai finanziamenti per gli interventi di demolizione delle opere realizzate in aree soggette a rischio idrogeologico in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire. ...
15/09/2016
:: APPROVATA LA GRADUATORIA VALUTAZIONE CURRICULUM RELATIVA ALL'AVVISO PUBBLICO
Approvata la graduatoria valutazione curriculum relativa all'avviso pubblico per la formazione di una graduatoria utile all'assunzione di personale a tempo determinato, categoria C1 vigente CCNL Enti Locali, profilo professionale C1 "Assistente Tecnico Ambientale", per il supporto all'attività di gestione, monitoraggio e rendicontazione di progetti finanziati da fondi comunitari...
03/08/2016
:: PSR 2014-2020 num 4.4: bando pubblicato
PSR 2014-2020 num 4.4 : bando pubblicato. “Supporto agli investimenti non produttivi connessi all’adempimento degli obiettivi agro-climatico-ambientali”. Il testo di tutti i documenti è disponibile su www.agriligurianet.it , in particolare all’indirizzo seguente http://www.agriligurianet.it/it/impresa/sostegno-economico/programma-di-sviluppo-rurale-psr-liguria/psr-2014-2020/bandi-aperti-psr2014-2020.html...
08/07/2016
:: Ordinanza collegamento Fiumaretta e Bocca di Magra con la spiaggia di Punta Corv
Ordinanza sindacale n. 8/2016 recante servizio trasporti via mare per collegamento Fiumaretta e Bocca di Magra con la spiaggia di Punta Corvo....
Iscriviti alla newsletter
Nome:
Cognome:
Email:
 
Home Page > Piani, norme e regolamenti > Piano di controllo del chinghiale

Piano di controllo del chinghiale

Il piano di controllo del cinghiale (“PC”) costituisce una applicazione del Programma di riassetto faunistico, dell ’attività venatoria e della pesca ed è articolato nelle seguenti 3 fasi, ciascuna delle quali va ad integrarsi con le precedenti e non a sostituirle:

A) Caratterizzata dall’assenza di dati idonei a quantificare la popolazione di cinghiale, è stata impostata soprattutto sulla “dissuasione” cruenta (abbattimenti esclusivamente finalizzati a tener lontani gli animali dalle zone sensibili ma non a ridurne la popolazione) e incruenta (foraggiamento). In tale fase è stata avviata l’organizzazione e la regolamentazione dell’attività, nonché la raccolta organica e l’informatizzazione dei dati utili. La pianificazione della dissuasione cruenta prevede un numero massimo di cinghiali che possono essere abbattuti.

B) Prevede la disponibilità di dati quantitativi utili sulla popolazione di cinghiali e sui danni da essa provocati. Relativamente alla struttura della popolazione di Cinghiali ed alla quantificazione della popolazione che insiste nel promontorio di Montemarcello, lo studio è stato consegnato all’Ente Parco il 3.11.2005. Tramite esso è possibile pianificare un vero e proprio “controllo numerico” della popolazione di Cinghiale (adeguata riduzione numerica), stabilendo un numero esatto di unità che devono essere abbattute. Non si deve però dimenticare che frequentemente disagi e danni possono essere indipendenti dalla densità della popolazione (essendo provocati da pochi animali in siti particolarmente vulnerabili) e quindi le azioni di dissuasione dovranno comunque essere previste.

C) Avviate tutte le azioni di dissuasione e di controllo, nonché quelle di monitoraggio delle presenze e di tutte le informazioni utili, si procederà “a regime” nell’attività, adeguando  le linee operative al mutare delle situazioni. E’ questa la fase più idonea per decretare eventuali fasce di “eradicazione” (continua eliminazione di tutti i cinghiali a prescindere da danni e disagi in atto) qualora anche con un controllo intenso permangano danni e disagi non risolvibili.

Il Piano di Controllo individua tra l’altro:
- le aree vulnerabili al Cinghiale;
- le decadi dell’anno (intervalli di 10 giorni) in cui si verificano i danni con l’indicazione per ciascuna decade dell’entità del danno atteso;
- l’andamento temporale dei danni per comune,
- l’andamento temporale dei danni per coltura.

Ciò è stato fatto per poter programmare in anticipo azioni dissuasive preventive, infatti il PC approvato dal Parco e dall’INFS è impostato fondamentalmente per funzionare in modo preventivo (“interventi ordinari”), pur prevedendo anche “interventi straordinari” consecutivi a danni o disagi prolungati.

Poiché l’attività agricola (includendo nella definizione anche i piccoli orti per la produzione ad uso famigliare) nel territorio che insiste sul promontorio di Montemarcello (come nella gran parte della provincia di Spezia) è ormai ridotta soprattutto ai terreni a ridosso degli abitati, un’azione di controllo  finalizzata ai danni all’agricoltura è funzionale anche per i disagi sociali.

Durante l’estate 2005 sono stati approntati alcuni punti di foraggiamento artificiale finalizzati a selezionare quelli validi per condurre la sperimentazione sull’efficienza del metodo nel nostro contesto territoriale (vedi progetto sull’alimentazione complementare).

Nell’autunno 2005 sono stati predisposti 2 transetti campione lungo il sentiero 2 (Cala Maramozza – Portesone) suddivisi in tratti segnati di 50 metri. Lungo questi transetti sono in via di individuazione definitiva i punti fissi per il rilevamento dei segni di passaggio di cinghiali, punti che verranno preparati (ammorbidimento, pareggiamento e pulitura del terreno) 1-3 giorni prima dei rilievi.
Tipologia, estensione, direzione di spostamento delle piste e delle tracce rilevate vengono registrate e mappate con l’obiettivo di individuare entità e direttrici (nonché relativa distribuzione stagionale delle stesse) della frequentazione della specie nella fascia di territorio considerata (in particolare gli spostamenti monte-mare). Lo scopo non è soltanto quello di avere uno strumento per una più tempestiva e puntuale azione preventiva, ma è anche quello di valutare gli effetti che le azioni di dissuasione (cruente ed incruente) o di futuro controllo numerico possono avere  sull’entità e la distribuzione spazio-temporale delle incursioni. Attualmente ci troviamo nella fase di formazione degli operatori, di definizione dei punti fissi di rilevamento e di attuazione dei primi rilevamenti pilota. I settori di 50 metri sono stati individuati, segnati e gereferenziati con GPS ed è stata inoltre elaborata la scheda cartacea per la registrazione dei dati sul campo e la struttura per la successiva informatizzazione degli stessi.
A questi primi transetti paralleli alla costa si ipotizza l’aggiunta di altri trasversali, tali da monitorare anche le direttrici e le attività dei nuclei di cinghiali più o meno stabilmente localizzati a valle del sentiero n.2.

Relativamente al programma di catture, così come prospettato dal PC, da effettuarsi a fini di studio (cattura – marcatura – rilascio) dell’entità e degli spostamenti dei cinghiali, sono state costruite all’interno delle aree individuate dal PC 5 altane di avvistamento e 2 recinti di cattura (Monte Murlo – Monti Branzi) durante queste operazioni sono stati marcati complessivamente N° 36 cinghiali.
Le operazioni di abbattimento sono cominciate a giugno 2006 e sono stati abbattuti 55 animali di cui 21 in zona di eradicazione e 34 nell’area soggetta a controllo numerico.
Le attività di foraggiamento dissuasivo si sono protratte per tutta la stagione estiva.

Si ricorda inoltre che personale dell’Ente Parco, guardie volontarie, coadiutori e collaboratori hanno fatto esperienza diretta di tutti gli aspetti attinenti alle catture (costruzione delle trappole, manutenzione ed attivazione delle stesse, traslocazione e marcatura degli animali) presso il Parco Regionale di Migliarino-San Rossore.

In allegato il 7° aggiornamento al Piano di controllo approvato con DCE n° 29 del 4.10.12 a seguito dell ’acquisizione del parere positivo ISPRA.
INDICE:
Premessa
Inquadramento territoriale
Resoconto stagione di caccia 2011-2012
Riduzione numerica e dissuasione tramite abbattimenti
nell’ambito dell’attività di controllo 2011
Le attività di monitoraggio 2011
Danni e disaggi provocati dal cinghiale
Attuazione degli indirizzi stabiliti nel precedente
aggiornamento al piano di controllo
Conclusioni


Per maggiori informazioni contattare la sede del Parco

 

Ultimo Aggiornamento: 05/11/2015
 
Ente Parco di Montemarcello-Magra - Via A. Paci, 2 - 19038 - Sarzana (SP) Italy - Tel. +39/0187.691071 - Fax. +39/0187.606738 - Diritti riservati
P.Iva: 91009830117 - PEC: parcomagra@legalmail.it
Privacy - Disclaimer - Powered by Mantra Multimedia
Magra in Bici