Versione Italiana Versione Italiana English Version English Version
Versione del sito per IPOVEDENTI
{CURRENTDATE}


{MENUKOOLVERT}
Biblioteca
Accedi alla Home Page
del Parco
 
News
08/08/2017
:: CONTROLLO UNGULATI
Venerdì 11 agosto Azioni di controllo ungulati dalle ore 6.00 fino a termine operazioni in Località Ceparana in Comune di Bolano...
28/06/2017
:: AVVISO MODIFICA MODAITA' DI VERSAMENTO DELL'IVA SUGLI ACQUISTI EFFETTUATI DALLE
A Partire dal primo luglio 2017 si attueranno modifiche sulle modalità di versamento dell'IVA sugli acquisti effettuati dalle Pubbliche Amministrazioni...
16/09/2016
:: Programma controllo ungulati
Azioni di controllo ungulati: MAGGIO 2017 ...
03/03/2017
:: 7/03/2017 PSR 2014-2020: le opportunità nel settore forestale
L’Ente Parco organizza, in collaborazione con la Regione Liguria, un incontro divulgativo dedicato alle misure di interesse forestale del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Liguria 2014/2020. Nell’incontro saranno presentate le opportunità previste dalle misure M08 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste” e M09 “Costituzione di gruppi di produttori per la gestione e la valorizzazione economica delle risorse forestali l...
03/02/2017
:: Bando EELL bonifica Amianto
Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, indice una procedura pubblica, destinata agli EELL, per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto. ...
07/11/2016
:: Demolizione opere abusive, in arrivo i finanziamenti per i Comuni
È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n 251 del 26 ottobre 2016 il decreto 22 luglio 2016, contenente i modelli e le linee guida per la presentazione della domanda di accesso ai finanziamenti per gli interventi di demolizione delle opere realizzate in aree soggette a rischio idrogeologico in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire. ...
15/09/2016
:: APPROVATA LA GRADUATORIA VALUTAZIONE CURRICULUM RELATIVA ALL'AVVISO PUBBLICO
Approvata la graduatoria valutazione curriculum relativa all'avviso pubblico per la formazione di una graduatoria utile all'assunzione di personale a tempo determinato, categoria C1 vigente CCNL Enti Locali, profilo professionale C1 "Assistente Tecnico Ambientale", per il supporto all'attività di gestione, monitoraggio e rendicontazione di progetti finanziati da fondi comunitari...
03/08/2016
:: PSR 2014-2020 num 4.4: bando pubblicato
PSR 2014-2020 num 4.4 : bando pubblicato. “Supporto agli investimenti non produttivi connessi all’adempimento degli obiettivi agro-climatico-ambientali”. Il testo di tutti i documenti è disponibile su www.agriligurianet.it , in particolare all’indirizzo seguente http://www.agriligurianet.it/it/impresa/sostegno-economico/programma-di-sviluppo-rurale-psr-liguria/psr-2014-2020/bandi-aperti-psr2014-2020.html...
08/07/2016
:: Ordinanza collegamento Fiumaretta e Bocca di Magra con la spiaggia di Punta Corv
Ordinanza sindacale n. 8/2016 recante servizio trasporti via mare per collegamento Fiumaretta e Bocca di Magra con la spiaggia di Punta Corvo....
04/07/2016
:: Documento Programmatico del Parco
Il Consiglio e la Comunità del Parco hanno approvato il Documento Programmatico elaborato dal Presidente Pietro Tedeschi....
Iscriviti alla newsletter
Nome:
Cognome:
Email:
 
Home Page > Attività > Centro Studi fiumi > Convegni e Incontri > 22-05-06

22-05-06

Seminario “La gestione integrata delle aree protette fluviali e dei bacini idrografici.
Aspetti operativi e normativi”

Il fiume Magra attraversa lento e sinuoso Toscana e Liguria, le unisce profondamente, terra con la terra, acqua con l’acqua, formando un continuum ambientale, un corridoio ecologico di grande importanza, un bene naturale di valore inestimabile che va gestito in modo efficace e soprattutto integrato. La Magra è anche il cuore del Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra che ne accoglie e tutela una buona parte fino al mare. Per questo l’Ente Parco ha voluto istituire un Centro Studi sulle aree protette e gli ambienti fluviali allo scopo di creare un collegamento tra tutte le aree protette fluviali e i bacini idrografici d’Italia, costituire un “sistema” che lavori insieme, si scambi buone pratiche e dibatta sulle criticità legate alla gestione delle aree fluviali al fine di raggiungere obiettivi e soluzioni comuni. Il primo appuntamento del Centro Studi è stato il 22 maggio scorso con un seminario nazionale dal titolo “La gestione integrata delle aree protette fluviali e dei bacini idrografici. Aspetti operativi e normativi” che ha visto la partecipazione di moltissimi esperti in materia sia tra i relatori che in sala tra il nutrito pubblico. Dopo i saluti di rito del Presidente del Parco Walter Baruzzo, del Sindaco di Sarzana Massimo Caleo, del Vicepresidente della Comunità Montana Roberto Verelli e dell’Assessore all’Ambiente della Provincia della Spezia Marino Fiasella, Renzo Moschini, direttore dell’Osservatorio dei Parchi Europei (OPE) ha introdotto la giornata soffermandosi sull’importanza di una collaborazione tra le parti istituzionali in gioco, a cominciare dalle Regioni alle Province, dal Parco alle Anpil, fino a Federparchi. A seguire il neo Senatore Egidio Banti che si è occupato  della spinosa questione della Legge delega ambientale che di fatto ha decentrato le competenze delle Autorità di Bacino in ambiti di distretti. Il Senatore si è impegnato ha fare quanto nelle sue possibilità per rivedere la Legge in modo che le Autorità di Bacino possano continuare le loro attività e il loro importante ruolo rapportandosi con gli Enti Locali.
Il professor Attilio Arillo del Dipartimento Territorio e Ambiente dell’Università di Genova si è invece soffermato sul valore biologico del comprensorio fluviale, dalla ricerca alla conservazione. “I corsi d’acqua – ha detto Arillo - sono particolarmente sensibili agli attuali modelli di sviluppo e, in questo contesto, appare ovvio che la ricerca nei parchi fluviali dovrebbe essere indirizzata essenzialmente allo studio di tecniche di sviluppo sostenibile e alla conservazione della biodiversità. I problemi da risolvere sono molti e possono essere più facilmente superati con azioni coordinate fra più parchi, con lo scambio di esperienze e con l’attivazione di piani comuni”.
Anche Federico Beltrami, dirigente dell’Ufficio Parchi della Regione Liguria ha ribadito l’importante ruolo del sistema regionale delle aree protette e delle loro funzioni e attività in collaborazione con la Regione. È stata la volta, quindi, di alcuni esempi di “buone pratiche” ed esperienze di altre realtà a cominciare col Parco del Ticino, presentato dal suo vicepresidente Maurizio Maggioni. A seguire Ippolito Ostellino, direttore del Parco del Po torinese, ha spiegato come i parchi fluviali rappresentino degli attrattori per la Governance Locale e quali siano per il suo Ente i Programmi Integrati per lo sviluppo locale del Sistema unitario di fruizione e gestione del territorio. Altra esperienza significativa viene da Dario Zocco, direttore del Parco fluviale del Po e del Torrente Orba, che punta sul passaggio di una gestione passiva, intesa come mera conservazione dei valori esistenti, a una gestione attiva, che preveda anche la riqualificazione ambientale di aree degradate e la ricostituzione di ambiti naturali. Il parco quindi, non è semplice luogo di svago ma un a punto di riferimento per l’educazione ambientale, la didattica e la ricerca scientifica, non è un vincolo allo  sviluppo locale ma un valore aggiunto, un’opportunità e uno stimolo per gli operatori locali verso uno sviluppo sostenibile. E soprattutto, il parco non deve essere isolato dal contesto territoriale circostante ma integrato nel territorio e collegato alla realtà socio-economica in cui è inserito. A nome dell’Agenzia dei Parchi del Lazio è intervenuto Marco Agliata che ha presentato l’ambizioso progetto del Parco del interregionale Tevere. Nel pomeriggio un interessante dibattito ha messo in luce altre interessanti iniziative e riflessioni: Francesca Pittaluga Segretario Generale dell’Autorità Bacino della Magra, Stefano Massone rappresentante Regione Liguria al Parco di Portofino, Paolo Berni dell’Università Agraria di Pisa, Sergio Paglialunga Direttore del Parco S. Rossore, Stefano Brun dell’Associazione Sentinelle dei Fiumi, Giovanni Gabrile Presidente Italia Nostra La Spezia, Matteo Tollini di Legambiente, Giuseppe Sansoni del CIRF ed Enrico Ottolini del Parco del Taro. Da segnalare soprattutto l’esperienza dell’Associazione Sentinelle dei Fiumi che raggruppa ben 33 comuni veneti compresi nel bacino idrografico Brenta, Bacchiglione, Fratta Garzone e Adige.
Il seminario è stato concluso da Luigi Bertone di Federparchi che, in accordo col Presidente del Parco, con il Direttore Patrizio Scarpellini e gli altri convenuti ha stipulato un documento conclusivo che ha messo in risalto i seguenti punti:

1) Sulle finalità del Centro mirate a raccordare e coordinare gli studi sulle aree protette fluviali nazionali, regionali e locali e le autorità di bacino di cui si chiede la modifica dei recenti provvedimenti normativi che ne hanno stravolto i ruoli e i compiti in palese contrasto anche con il direttore dell’Istituto sulle acque.

2) Sull’urgenza di costruire un sistema nazionale delle aree protette capace di valorizzare gli ambienti e le aree protette fluviali per l’indispensabile ruolo di cerniera con la costa e i fruitori delle aste del fiume.

3) Sull’indispensabile funzione di tutela della biodiversità a cui sono oggi chiamate  in particolare - in stretto rapporto con le politiche dell’Unione Europea - le aree protette fluviali che il Parco di Montemarcello sta efficacemente effettuando con il suo Centro sulla biodiversità.

4) Sull’opportunità di prendere contatto con la Regione Toscana e la Provincia di Massa Carrara per concordare le modalità e gli strumenti più adeguati per mettere in relazione il tratto ligure con quello toscano.

5) Sull’opportunità che Federparchi istituisca un coordinamento dei Parchi fluviali

In allegato gli atti
____________________________________________________________________________

 PROGRAMMA

 ore 9.00 - Registrazione partecipanti

 ore 9.15 Saluti
 Massimo Caleo - Sindaco di Sarzana
 Giuseppe Ricciardi - Presidente Provincia della Spezia
 Eraldo Scappazzoni - Presidente Comunità Montana Media e Bassa Val di Vara
 Walter Baruzzo - Presidente Parco di Montemarcello-Magra

 Moderatore: Patrizio Scarpellini
 Direttore Parco di Montemarcello-Magra

 Ore 10.00 Introduzione - Renzo Moschini Direttore Ope Osservatorio Parchi d ’Europa
 Ore 10.20 Franco Zunino - Assessore Ambiente Regione Liguria
 Ore 10.35 La legge delega ambientale e la gestione dei bacini idrografici
                 Senatore Egidio Banti
 Ore 10.50 La ricerca e i parchi fluviali
                  Attilio Arillo - Dip.Ter.Is. Università di Genova
 Ore 11.05 L’esperienza del Parco del Ticino e il coordinamento dei parchi fluviali
                  Maurizio Maggioni - VicePresidente Parco del Ticino
 Ore 11.20 Parchi fluviali: sistemi attrattori per la Governance locale.
                L’esempio del PISL del Parco fluviale del Po torinese
                 Ippolito Ostellino - Direttore Parco fluviale del Po Torinese
 Ore 11.35 Aree protette fluviali e parchi della Liguria
                 Federico Beltrami - Dirigente Ufficio Parchi Regione Liguria

 Ore 12.30 - inaugurazione Centro Fauna Minore

 Ore 13.30: Buffet a base di prodotti biologici

 Ore 14.30 La gestione integrata del Parco Fluviale del Po vercellese/alessandrino.
                 Dario Zocco - Direttore Parco fluviale del Po e del Torrente Orba
 Ore 14.45 Marco Agliata - Agenzia Regionale Parchi Lazio

 Ore 15.00 - dibattito

 Interverranno:
 Francesca Pittaluga - Segretario Generale Autorità Bacino della Magra
 Stefano Massone - Rappresentante Regione Liguria al Parco di Portofino
 Paolo Berni - Università Agraria di Pisa
 Giuseppe Sansoni - CIRF - Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale
 Sergio Paglialunga - Direttore Parco S. Rossore Massaciuccoli
 Giorgio Varisco - Assessore all’Ambiente Comune di Chioggia – Presidente Associazione Sentinelle dei Fiumi
 Giovanni Gabriele - Presidente Italia Nostra La Spezia
 Matteo Tollini - Legambiente
 Ugo Baldini - CAIRE
 Mauro Conti - Presidente Parco del Taro

 Saranno presenti anche altre autorità ed esponenti di Enti Parco e Associazioni Ambientaliste

 Ore 17 Conclusioni
Luigi Bertone - Federparchi

 

 

Ultimo Aggiornamento: 02/04/2013
 
Ente Parco di Montemarcello-Magra - Via A. Paci, 2 - 19038 - Sarzana (SP) Italy - Tel. +39/0187.691071 - Fax. +39/0187.606738 - Diritti riservati
P.Iva: 91009830117 - PEC: parcomagra@legalmail.it
Privacy - Disclaimer - Powered by Mantra Multimedia
Magra in Bici